Questa è una breve nota che scrissi qualche anno fa…

Ora che conosco un po’ di più il vino, ve la ripropongo anche per dare il via alla mia nuova sezione “Wine Explorer”, ogni settimana (spero) provvederò alla degustazione di un vino differente senza grosse pretese, e sotto il punto di vista di un amatore.

Buongiorno,

il vino,  il nettare degli dei, il nettare di bacco.

Dopo diversi anni di sperimentazione in cucina, ho deciso di compiere il salto di qualità. Al termine della preparazione di una pietanza, notavo spesso come una mancanza, una nota fondamentale che non riuscivo a trovare. Fino ad allora utilizzavo il vino solo ed esclusivamente per la preparazione del riso, delle scaloppe o altro. Utilizzavo solo ed esclusivamente Soave, finchè un giorno decisi di acquistare una bottiglia di vino per poter apprezzare maggiormente le pietanze preparate, di cominciare l’esplorazione del mondo dei vini, decisi che era giunto il momento di fare il salto di qualità

Teroldego Rotaliano DOC

un vino che mi ha colpito principalmente per il suo profumo floreale di viola e i suoi frutti di bosco, un vino di gran corpo, tannico in modo elegante, intenso e di lunga persistenza.

Questo vino ha avuto l’onore di accompagnare Roast Beef con verdure e fesa di pollo con asparagi.

Annunci