Stasera osiamo…
Negramaro IGT 2011 di Masseria Altemura abbinato a Reginette con sugo di sarde, cappero IGP di Pantelleria, olive verdi, peperoncino, timo a km zero.

Un abbinamento che non ritengo del tutto errato. Molto probabilmente il vino non può esprimere il meglio di sè, ma si lascia bere tranquillamente e, una volta divorata questa ghiottissima pasta, ha tutte le caratteristiche per proseguire la serata da vero protagonista. Molto profumato e persistente, al palato caldo e avvolgente. Io ce lo vedrei benissimo con le cosiddette “bombette di Martina Franca”, con del caciocavallo stagionato, dei peperoni arrostiti e con qualche mozzarella per smorzare un po’ l’ardente spirito Negramaro.

20130719-123842.jpg

Annunci

E’ un po’ come quando provi un abito ed esclami “E’ lui! E’ il mio! E’ quello che fa per me!“. Questo cru maremmano dai riflessi verde smeraldo è esattamente la stessa cosa.
Potrei definirlo come uno di quei vini nei quali rifugiarsi quando non si sa cosa stappare. Un vino dalle grosse potenzialità e molto versatile nell’abbinamento cibo-vino. Coi suoi 14°, inizialmente fresco e acido, muta in caldo e avvolgente, pieno e rotondo, con un’aroma persistente di frutta a polpa bianca e qualche punta floreale. Questo permette di abbinarlo a piatti saporiti e non senza comprometterne l’equilibrio.

Nei miei abbinamenti, ha esaltato il meglio di sé con le zucchine tonde ripiene di riso, coppa piacentina, verdure e menta. Ha supportato il gusto della coppa in modo meraviglioso. Oppure abbinato a dei bocconcini di mozzarella saporiti e a una frittatina di verdure. Infine abbinato al risotto con gamberi e zucchine. Eccellente!!

Avevo già degustato questo vino nel luglio 2009, in occasione di una precedente “Tasting List“, con l’annata 2008. Anche allora mi aveva colpito, ma l’ho potuto apprezzare molto di più oggi, pregustandolo mentalmente durante questa settimana di abbinamenti con l’annata 2011.

Un’altra cosa che mi ha colpito, e questo può piacere o no, è che sia allora che oggi, non ho riscontrato differenze sostanziali nelle due annate. Penso che dipenda dal fatto che, essendo un vino dalle grosse potenzialità, l’abbiamo stappato troppo “giovane”. Sarei propenso ad acquistarne qualche bottiglia da lasciare un 5-6 anni in cantina e assaporarne il risultato. Si potrebbe provare…

20130525-003956.jpg

Un particolare ringraziamento a Francesco Zonin per i due nuovi protagonisti della prima Tasting List del 2013. GRAZIE!!!

Si tratta di due vini toscani, provenienti dalla Maremma. Uno dei due è una vecchia conoscenza. Parlo dell’Astraio, Viognier, Maremma Toscana IGT 2011, degustato nel 2009 (annata degustata 2008). Mi era piaciuto in modo particolare perché mi aveva fatto rivivere sensazioni estive. Mi riferisco al dolce tepore dell’estate, quando al tramonto, il sole basso all’orizzonte, crea giochi di ombre favolosi, nell’aria si percepisce una brezza marina preludio della frescura della sera, la giovialità di una festa di paese, il dolce oziare, le letture estive davanti a un buon calice di bianco, e che bianco! Ecco il link relativo all’annata 2008: Astraio 2008

Il secondo vino, anch’esso proveniente dalla Maremma, è una novità. Sassabruna, Monteregio di Massa Marittima DOC 2010. Si tratta di un blend di uve Sangiovese (80%), Merlot (10%) e Syrah (10%). Sono proprio curioso di degustarlo! Ora si tratta solo di trovare i giusti abbinamenti enogastronomici.
Si accettano consigli o qualora voleste degustarlo insieme a me, fatemelo sapere!
Restate sintonizzati!

20130404-173200.jpg

Una conferma! Nella mia cantina ho ancora un paio di bottiglie del 2006, questo invece é un 2008. Il 2006 é notevole, abbinabile soprattutto a secondi piatti importanti di carne.

Questo 2008 invece, reputo che sia la perfezione fatta bottiglia. All’olfatto pieno, carico, straripante di aromi, intenso, inebriante, corroborante, di una freschezza inaudita. Vorrei stare ore e ore col naso nel bicchiere e farmi ammaliare dalla sua persistenza e intensità. Al palato rotondo quanto basta per farsi apprezzare. Acidità, corposità e tannini perfettamente equilibrati in un tripudio di sapori che accompagnano le pietanze in modo sublime.

Abbinato agli involtini di verze con riso, verdure e salsiccia, così come ai Vermicelli con Pecorino Romano, fagioli, pomodoro e cumino, é stato perfetto. Notevole.
Bevuto così, da solo, senza abbinamenti, ricorda un pomeriggio di ozio, del dolce far niente, con un bel paesaggio, una giornata frizzante, un buon libro e un buon calice.

Davvero da ri-provare e ri-gustare!

Castello D’Albola Chianti Classico DOCG Riserva 2008

20130203-143347.jpg

20130203-143358.jpg

20130203-143406.jpg

Casa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola Zonin
Casa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola Zonin
Casa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola Zonin
Casa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola ZoninCasa Vinicola Zonin

Nella sede di Gambellara alla scoperta del territorio e dei vigneti, degustazioni guidate e non dei vini più rappresentativi delle tenute della famiglia, visita al museo, alle cantine e infine…
…La famosa torta di mele!

http://www.wineislove.it/cantine-aperte-a-gambellara-il-27-maggio

Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)
Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)
Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)
Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)Masseria Altemura - Torre Santa Susanna (BR)

Masseria Altemura, a set on Flickr.

Ricordi estivi. Nel cuore del Salento, fra i colori caldi del paesaggio e l’intensità della luce che bagna queste terre, sorge la Masseria Altemura.

http://www.masseriaaltemura.it

Vendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il Bosco
Vendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il Bosco
Vendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il Bosco
Vendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il BoscoVendemmia 2011 @ Tenuta Il Bosco

Attesa
tempo che passa
nascere, crescere, morire,
il ciclo della vita,
sorgere, tramontare
sole che bacia la pianta
pianta che bacia il frutto,
frutto, spettatore del cambiamento
che assimila sostanze, stagioni
voci, accarezzato dal vento e dal sole
frutto che si trasforma,
sorella Luna, fratello Sole,
purezza, zuccheri, alcoli,
fermentazione, ossidazione
e infine,
una sola parola
VINO!